Lavorare alle Baleari come Barman

lavorare alle baleari

Vivere e lavorare alle Baleari come Barman

Se pensi alle Baleari e in particolar modo ad Ibiza, la prima immagine che ti viene in mente con ogni probabilità è una mega-discoteca con migliaia di persone che si scatenano a ritmo di musica fino alle prime ore del mattino. E’ o non è così?

Eppure, la verità è che le Baleari (e la stessa Ibiza) non sono fatte solo di locali notturni, feste e alcol a profusione, ma vantano alcuni dei più immacolati paradisi terrestri, con spiagge bianche e un mare cristallino degni della più tropicale delle cartoline.

E allora perché non vai a farti almeno una stagione che ti permetterà di lavorare in uno tra i tantissimi locali del posto, oltre a goderti la famosa “perla del Mediterraneo”? O forse dovrei dire LE perle – e una buona dose di libertà!?

Mi dirai che sei dubbioso, perché pensi di lavorare comunque, anche rimanendo in Italia.

E’ verissimo che per l’Estate 2021 si parla di allentamenti progressivi, ma sempre di questo si tratta: di piccolissimi passi che di base non cambiano il fatto che non siamo liberi di lavorare come prima e per questo ti dico:

NON DARE NULLA PER SCONTATO.

Non dico di non fidarti a priori, ma almeno di ricordare tutte le volte in cui i politici hanno detto “chiudiamo oggi per aprire domani” e, puntualmente, si è chiuso oggi, domani e dopodomani. Per mesi. Ma per fortuna ci sono paesi in giro per il mondo, neanche tanto lontano da casa nostra, che hanno capito che è arrivato il momento di salvaguardare per davvero il tanto bistrattato settore dell’hospitality di cui facciamo parte per tornare alla normalità!

Uno di questi paesi è la Spagna, e soprattutto le isole Baleari (che sono una delle sue comunità autonome) che stanno riaprendo le attività per prepararsi alle prossime ondate (finalmente) di turisti in arrivo da tutto il mondo.

Ora la domanda è: tu passerai la prossima stagione in Italia, sperando che aprano del tutto e che soprattutto non richiudano i locali dopo un mese, o sei pronto a partire?

Secondo me dovresti scegliere quale delle isole di questo arcipelago è più adatta a te e fare subito le valige!

Le Baleari infatti sono composte da: Ibiza, Formentera, Maiorca e Minorca.

Ciascuna ha le sue caratteristiche che la rendono unica, ma ci sono alcune cose, come il clima mite tutto l’anno, che sono in comune per tutte. Questo e le scarsissime precipitazioni, rendono le isole Baleari un posto perfetto da raggiungere per cambiare vita o per fare un’esperienza di lavoro all’estero, soprattutto sei sei abituato ad inverni rigidi e piovosi ogni anno.

E qui ho trovato un video che riassume e ti fa fare un giretto per questo bellissimo arcipelago.

Dopo aver visto quanto sono belle le isole Baleari, ti starai chiedendo quale isola è la migliore per te.

lavorare alle Baleari
Lavorare a Maiorca
MAIORCA

Maiorca è l’isola più grande, una delle più famose insieme a Ibiza, ed è considerata una delle perle del mediterraneo, non solo per le spiagge mozzafiato, ma anche perché è ricca di storia. Troverai tanta arte, piazze stupende, cattedrali e una frenesia continua.

Quindi se l’immagine che hai per il tuo futuro è quella di un’isola con natura incontaminata e calma piatta, Maiorca non fa per te.

In compenso Maiorca basa quasi tutta la sua economia sul turismo e zone come Palma, il capoluogo, Magaluf, una piccola Ibiza piena di locali e discoteche, e S’arenal sono le mete più raggiunte dai giovani di tutto il mondo.

Anche in queste aree ovviamente trovi spiagge bianchissime e un mare strepitoso, ma la vera attrazione per i turisti che vi approdano è la vita notturna e il divertimento sfrenato.

Lavorare alle Baleari
Vivere a Minorca
MINORCA

Se quello che ti attira è il contatto con la natura e una vita un po’ più rallentata, l’isola che fa per te è Minorca, dichiarata patrimonio dell’Unesco per spiagge che non hanno niente da invidiare a quelle dei Caraibi e per i paesaggi da sogno.

Rispetto alle altre isole, si può dire che Minorca sia la più tranquilla: anche qui il turismo è importantissimo, ma è più facile trovare le famiglie o le coppiette, rispetto ai giovani che vogliono far festa.

IBIZA

Poi abbiamo Ibiza, che non credo abbia bisogno di presentazioni: è famosa in tutto il mondo per le sue incredibili e stravaganti discoteche.

Qualcuno la definisce la Las Vegas europea e si può dire sia proprio l’isola della notte.

E’ per questo che uno dei nostri corsisti ha deciso di aprire il suo locale a Ibiza qualche anno fa e ora il solo pensiero di tornare in Italia lo fa rabbrividire! (Puoi leggere qui l’intervista che gli abbiamo fatto)

Discoteche Ibiza
Discoteche Ibiza

Nonostante la sua fama, ovviamente Ibiza non è solo questo. Chiunque ci abbia vissuto mi ha raccontato che oltre allo sfavillante mondo notturno c’è anche tanto di più.

E appena ti sarai ambientato, scoprirai tutte le calette intime e preziose che solo gli isolani sanno raggiungere e che difendono dai turisti. Quindi promemoria per te: fai amicizia con qualcuno del posto e fatti portare nei luoghi segreti e riservati di questa bellissima isola!

Un lato negativo di Ibiza è sicuramente il costo della vita, più caro rispetto alle altre isole, che al contrario richiedono un impegno economico molto, molto basso per arrivare a fine mese dignitosamente. Per farti un paragone, a Ibiza la vita costa come in una qualsiasi metropoli italiana.

FORMENTERA

Se il tuo sogno è quello di lavorare in un cocktail bar di altissimo livello, o in un hotel di lusso, il mio consiglio spassionato è di scegliere Formentera, l’isola più esclusiva ed elegante dell’arcipelago che ti permetterà di dare molto più sfogo alla tua capacità e fantasia come bartender.

Avrai a disposizione bottiglie pregiate (magari proprio quelle che hai studiato e assaggiato durante i nostri corsi di Merceologia dei distillati o Advanced Mixology) e troverai una clientela ideale a cui proporre le tue ricette e i twist on classic che ti sono stati insegnati al corso di Vintage Mixology.

E perché più a Formentera che altrove?

Semplice, perché Formentera è un’isola molto piccola e molto famosa, ma che ha una movida diversa rispetto a quella delle isole più grandi. Se a Ibiza e Mallorca la movida gira tutta intorno alle discoteche e ai locali ad alto flusso di servizio, Formentera incentra tutto sulla qualità piuttosto che sulla quantità.

Qui la maggior parte dei locali che troverai saranno piccoli cocktail bar e e chioschetti sulla spiaggia estremamente eleganti e chic, dove potrai esibire ricette esclusive e dove i clienti non verranno solo con l’intento di ubriacarsi, ma per prendersi un drink fatto a regola d’arte da gustare seduti con degli amici o la loro dolce metà.

Anche a Formentera abbiamo un’esperienza diretta, infatti Andrea e Alessio che hanno studiato alla MIXOLOGY Academy e frequentato il corso di Imprenditore Bar, hanno aperto l’Alma Cocktail Bar e si dicono iper soddisfatti della loro scelta di vivere l’estate a Formentera e l’inverno a Roma.

D’altronde, stiamo prlando di una delle dieci isole più belle al mondo, una meta esclusiva e molto ambita per migliaia di turisti ogni anno che garantiscono ottime entrare alle attività locali – e questo nonostante il fatto che non ci sia l’aeroporto al momento, rendendo il traghetto l’unico modo per raggiungere Formentera.

Se ti va, puoi leggere direttamente le loro parole a riguardo, trovi l’articolo qui.

vivere a Formentera
Barman a Formentera

Ora che hai un quadro completo di queste meravigliose isole, è arrivato il momento di capire se è facile o no trovare lavoro alle Baleari.

Se ti stai chiedendo quanto sarà difficile lavorare alle Baleari, la risposta è NEANCHE UN PO’!

Come ti ho detto, il turismo è il settore più sviluppato e nonostante molti giovani si muovano ogni anno per fare la stagione lavorativa in una delle bellissime isole di questo arcipelago, trovare lavoro non è per niente difficile. ANZI.

Come cittadino dell’Unione Europea, non hai bisogno della visa (visto) per lavorare alle Baleari, ma ti servirà semplicemente il NIE (Número de Identidad de Extranjero), un documento di identificazione fiscale che ti individua come residente, permettendoti di lavorare, di comprare o affittare casa e aprire un conto corrente bancario.

Come ottenerlo? Ti basterà andare in una qualsiasi stazione di polizia o all’ufficio immigrazione a registrarti con i tuoi documenti. Il costo del NIE è di poco meno di 10 euro.

Una volta ottenuto questo documento risulterai come residente delle isole Baleari e potrai anche avere sconti e agevolazioni per i viaggi di ritorno verso l’Italia o verso altre mete.

Sarai ufficialmente residente e potrai iniziare la tua ricerca di casa (per tutti i consigli, leggi subito la guida per trovare casa all’estero!), e di un lavoro.

Se parli più di una lingua avrai una corsia preferenziale, quindi armati di buona volontà e ripassa almeno l’inglese; lo spagnolo è una lingua così facile che ti basterà passare qualche settimana sul posto per iniziare a masticarlo e a capire quello che ti dicono.

E non dimentichiamoci che già parli l’italiano, un’arma in più in tuo favore visto il numero di turisti “nostrani” che ogni anno invadono le Baleari,

Una ragazza che lavora già da qualche anno in Accademia con noi ha vissuto per un anno a Maiorca e, oltre a divertirsi un sacco, faceva la pr per una discoteca.
Mi ha raccontato proprio in questi giorni che poco dopo il suo arrivo a Palma de Mallorca, in quanto italiana, è stata letteralmente pregata dal gestore di una discoteca dove andava spesso, di appostarsi un’oretta davanti al locale e fare da “butta dentro”, in pratica convincendo le persone ad entrare.

E non era difficile visto che si trattava di una delle discoteche più fiche del Paseo Maritimo, il Tito’s, che già di per sé era molto frequentato. In cambio di questo piccolo sforzo, Denise aveva ingresso e cocktail gratis per lei e tutti i suoi amici, ogni volta che si presentava. Non è che le fosse andato tanto male, tutto sommato! 🙂

Lavorare alle Baleari
Tito’s, Palma de Mallorca

Insomma, tutto questo per dire che basta essere intraprendenti ed espansivi e trovare lavoro alle Baleari sarà l’ultimo dei tuoi problemi!

FONTE: https://www.abc-mallorca.es/solicitar-nie-mallorca/

COSA E’ CAMBIATO CON IL COVID?

Partiamo dai dati.

Le Baleari, al momento in cui sto scrivendo queste righe, hanno un numero di casi attivi molto basso, così come la media dei nuovi positivi giornalieri. Quindi stanno forse meglio lì che in tutto il resto d’Europa (sicuramente meglio che qui in Italia).

E con l’arrivo dell’estate si aspettano grandi ondate di turismo, motivo per cui i locali sono prontissimi ad assumere e a partire con la stagione estiva!

Il coprifuoco è stato ufficialmente abolito e l’unico obbligo è legato alle mascherine e al distanziamento sociale, ancora obbligatori all’aperto e nei luoghi chiusi.

Ma vediamo come funzionano le cose se vuoi entrare in una delle bellissime isole delle baleari per viverci e lavorarci.

Ad agosto 2021, viene ancora richiesto il risultato negativo al tampone (fatto max 72 ore prima) per entrare in una delle 4 isole, e occorre compilare prima della partenza questo form per dichiarare come si entra e perché.

Insomma, si può dire che siano quasi del tutto tornati alla normalità e che siano molto, ma molto più coraggiosi di noi sotto tutti i punti di vista.

E come dargli torto? L’estate è la stagione più importante per i paesi che hanno il turismo al centro della loro economia. E alle Baleari non hanno nessuna intenzione di rinunciare a quegli introiti, né di mettere in difficoltà le imprese locali.

Per lavorare nei locali avrai bisogno del Green Pass, ottenibile tramite ciclo vaccinale completato o tampone negativo.

A questo punto, mi sembra chiaro il perché le vicinissime isole di Maiorca, Formentera, Ibiza e Minorca sono per te una meta più che appetibile dove andare per fare carriera come bartender.

La cosa fondamentale, come sempre, è presentarsi con un curriculum invidiabile che metta in risalto le tue qualità rispetto ad altri eventuali candidati. Non preoccuparti se hai poca esperienza perché presentarti con uno o più attestati conseguiti alla MIXOLOGY Academy sarà quella marcia in più che i locali cercano.

Se non ti ricordi come si fa, guarda subito il videocorso che ti insegna come preparare il curriculum perfetto!

FONTE 1: https://www.caib.es/sites/coronavirus/es/portada/

FONTE 2 http://www.visitpalma.com/en/#mask

FONTE 3: https://tg24.sky.it/economia/obbligo-green-pass-lavoro-estero

In un paese dove tutto cade a pezzi e si parla ancora di probabili zone rosse a settembre, il mio consiglio è di non aspettare un minuto di più per partire.

Rischi di perdere un’occasione incredibile per il tuo futuro.

Prendi coraggio e vai, al momento l’Italia ha ben poco da offrirti, mentre paesi come la Spagna e le isole Baleari, sì. Non perdere tempo appresso alle tue paure, affrontale con coraggio e parti verso uno dei paesi all’estero in cui ti è permesso lavorare (e vivere)!

Crescere a aiutare gli altri a crescere, sempre.

Ilias Contreas

Cofondatore di MIXOLOGY Academy

PS. Se pensi che le isole Baleari non siano il posto più adatto a te in questo momento, allora dai un’occhiata agli altri paesi presenti nella nostra Guida Interattiva sul Lavoro per Barman all’estero


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *