Abbiamo bisogno di un nuovo Menu: ci puoi pensare tu?

bartender Charles Joly

Nella foto il bartender Charles Joly

Abbiamo bisogno di un nuovo Menu: ci puoi pensare tu?

Se hai già cominciato a “calcare” il bancone di qualche locale, potrebbe esserti capitato di sentire il Boss esordire con la fatidica domanda:

Visto che te la cavi così bene con i cocktail perché non fai un nuovo Menu? Ti do carta bianca!

Se non ti è ancora capitata una roba del genere, fidati se ti dico che succederà. Scontato come l’effetto di 3 chupiti di assenzio bevuti uno appresso all’altro.

Lì per lì sei il bartender più felice del mondo perché il grande capo ha riposto la sua fiducia in te, ma la verità è che per quanto elevate siano le tue capacità, per quanto intelligente e dai gusti raffinati tu possa essere, ti manca ancora un pezzo indispensabile per assumerti un incarico così importante.

Lo so, non mi stupirei se tu fossi un ottimo Bartender, ma il Bartender non è l’addetto alla creazione di nuovi Menu.

Quello, tecnicamente, è compito del Bar Manager, ma capisco che potrebbe non essere ancora il momento di fare un salto del genere e assumerti così tante responsabilità.

Anche perché il Bar Manager, oltre al Menu, deve occuparsi di una marea di cose che potrebbero far impazzire qualunque essere umano, come la gestione dei magazzini, delle utenze e dei vari fornitori, tutte le noie burocratiche e la cosa più difficile di tutte: gestire e formare i propri collaboratori affinché tutto il team raggiunga gli obiettivi stabiliti dal Boss.

Stressante? Sì, lo è se non sai cosa fare e come farlo.

Ma oggi non voglio parlarti tanto della vita dal Bar Manager. Piuttosto voglio offrirti una soluzione ad un problema.

Detta così può sembrare una roba brutta, ma di base il concetto è che nei locali di più alto livello il Bar Manager c’è e si prende cura di tutte le cose che ti ho elencato (e di una lista ancora più lunga di impegni che ti ho risparmiato per farla breve);

in un locale di livello medio, invece, il Bar Manager non sanno nemmeno cos’è, per cui sei tu a dover pensare almeno al Menu, e spesso anche ad altre cose (pur senza averne ancora le competenze) mano a mano che ti conquisterai la fiducia del datore di lavoro.

E’ per questo motivo che nell’ultimo anno i Master Trainer dell’Accademia hanno sviluppato un programma che ti possa completare come bartender, dandoti tutti quegli strumenti di cui hai bisogno per realizzare un ottimo Menu per il locale in cui lavori.Nel dettaglio parlo di:

  • apprendere i segreti di Advanced Mixology per bilanciare alla perfezione gli ingredienti di un cocktail creato da te da zero;
  • studiare a livello tecnico e organolettico centinaia di etichette tra Liquori, Vermouth e Bitter, così da integrare la conoscenza che già possiedi sui distillati;
  • imparare come calcolare il cost analysis di un cocktail (e quindi di un intera drink list) fino al millesimo, dal cubetto di ghiaccio fino alla decorazione che hai scelto per il tuo originalissimo Twist;
  • come creare un Menu compatibile con i costi di magazzino e i prezzi di vendita del locale in cui lavori per evitare che fallisca.

Sì, hai capito bene: PER EVITARE CHE IL LOCALE IN CUI LAVORI FALLISCA (MANDANDO ALL’ARIA ANCHE IL TUO POSTO E IL TUO STIPENDIO).

Perché se tu crei un Menu strafigo per il tuo capo ma non sei in grado di gestirne i costi, succede che lui vende a meno di quanto dovrebbe e che per ogni cocktail che servi il locale si indebita.

Oppure può anche accadere il contrario, per quanto sia una rarità di questi tempi, ovvero di vendere a prezzi troppo alti rispetto ai costi di gestione, impedendo ad esempio la realizzazione di promozioni e offerte di vario tipo per attirare più clienti.


La metà dei locali fallisce entro il 1° anno e l’80% entro il 2°: secondo te qual è il motivo?

Il motivo è che i locali medio-piccoli pensano di risparmiare non assumendo un Bar Manager e si affidano ai bartender per far andare l’azienda, ma non funziona così.

Dovrebbe essere proprio il contrario, ma finché non aprirai il tuo locale prendendo ogni decisione in maniera INTELLIGENTE (o non diventerai un Bar Manager che si sappia “vendere” come insegniamo al Master su Come Trovare Lavoro), non avrai modo di cambiare le cose.

L’unica cosa che puoi fare davvero è imparare a creare dei Menu con la coscienza a posto – e facendo davvero un ottimo servizio alla comunità salvando la vita del locale e del tuo posto di lavoro.

Il come è la parte più semplice perché ti basta partecipare al prossimo corso Advanced Mixology (4° Livello Avanzato) che terremo sia alla MIXOLOGY Academy di Roma che in quella di Milano.

Il corso ha una durata di 4 ore al giorno per 5 giorni dal lunedì al venerdì, per cui se vuoi sapere se ci sono ancora posti liberi e in quale fascia oraria nella sede che ti è più comoda, non devi fare altro che cliccare qui sotto e compilare il form che troverai in fondo alla pagina.


Clicca Qui accanto
https://www.corsiperbarman.it/corsi/advanced-mixology-liquori-vermouth-bitter/

E ricorda:

Miscelazione avanzata + concetti di Bar Business applicato = Menu vincente!

Crescere e aiutare gli altri a crescere, sempre.

Ilias Contreas
Fondatore di MIXOLOGY Academy


Clicca Qui per richiedere info sul Corso Advanced Mixology


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *