Come diventare Brand Ambassador: la storia di Edoardo

 

corso_global_bartender

Come diventare Brand Ambassador

La storia di Edoardo

 

Concludere un capitolo della propria vita e scoprire che la pagina seguente offre un racconto molto più avvincente: Edoardo ha concluso la sua esperienza come agente per una società e si è riscoperto  prima un raffinato Mixologist e  in seguito un perfetto Brand Ambassador. Un esempio di come un corso di formazione professionale,come quelli offerti dalla MIXOLOGY Academy, e il Personal Branding  possono regalare un futuro ben più roseo e appagante.

“Sono Edoardo Bottiglieri, ho 26 anni e sono un barman & brand ambassador.

Oggi è questa la mia attività, ma per molti anni, in quella che mi piace definire la mia altra vita, sono stato un agente di commercio, un broker chiuso nel suo ufficio, seduto dietro a una scrivania e costantemente al telefono per rispondere alle mille chiamate in arrivo tutto il giorno.

Mi sono affacciato al mondo del lavoro molto presto, a soli 18 anni, subito dopo aver conseguito il diploma liceale.

corso_barman_roma

E dopo 5 anni di vita da ufficio, stanco e molto demotivato ho deciso di buttar via quella scrivania e cercare veramente di dare forma alle mie passioni!

E così il 18 novembre del 2014, data in cui ho preso parte alle prime lezioni presso la MIXOLOGY Academy è iniziata la mia nuova vita.

Oltre al corso Professional Bartender ho frequentato anche il corso di Caffetteria e alcuni Master, passando 4 mesi alla MIXOLOGY Academy.

 

Consiglio a tutti di farlo senza perdere tempo, se si vuol entrare in questo mondo è essenziale avere buone basi e questa accademia le offre tutte!

Dopo i corsi la strada piano piano ha iniziato a farsi più chiara e, dopo un periodo di stage offertomi dalla scuola, ho trovato il mio primo lavoro al V lounge beach di Ostia, un rinomato locale del litorale romano dove in breve tempo ho scalato le posizioni diventando capo barman.

 

Quei 5 mesi e mezzo di lavoro hanno rappresentato uno dei momenti più impegnativi della mia vita, dove l’idea di mollare ha bussato più volte alla mia mente: “chi me lo ha fatto fare”, mi ripetevo.

Ogni sera, però, tornavo a casa pieno di orgoglio per quello che stavo facendo e per i risultati che il bar stava ottenendo e così, una volta conclusasi la parentesi estiva, piuttosto che riposarmi, ho voluto alzare il tiro accettando un nuovo lavoro in un hotel di Roma come responsabile bar: una situazione completamente diversa da quella da cui provenivo ma una sfida davvero stimolante, tra clienti nuovi e uno standard imposto dalla catena dell’hotel da seguire e rispettare ciecamente.

barman_roma

Barman Roma

Grazie a questo lavoro ho potuto rendere le mie ricette più raffinate e confrontarmi con clienti provenienti da tutto il mondo, e qui ho conosciuto un imprenditore che mi ha proposto di prendere la direzione di un piccolo chiosco in uno stabilimento/circolo velico del litorale romano.

Ho pensato che potesse essere una nuova esperienza per affinarsi professionalmente, dove poter gestire completamente da solo un bar, e così ho accettato. “Chi semina raccoglie” recita un antico proverbio e quell’estate, infatti, è arrivata la prima soddisfazione: un noto sito ha inserito il mio aperitivo al 4 posto nella classifica dei migliori aperitivi del litorale romano.

 

global_bartender

Nello stesso periodo, poi, è arrivata anche la prima collaborazione con una casa di liquore italiano, la china Pisanti, di cui oggi sono brand ambassador. Al termine della passata stagione estiva sono entrato in contatto con uno chef emergente, un giovane dinamico e già molto capace (Mirko Di Mattia), da cui mi è arrivata la proposta di mettermi dietro al bancone di un nuovo ristorante (di cui oggi sono il capo barman), che mira a rappresentare un nuovo faro della gastronomia romana! Dopo aver accettato l’offerta è arrivata già la prima sfida: abbinare al suo menù dei drink ricercati che potessero risaltare i vari sapori dei piatti! E dopo 5 mesi dall’apertura del locale la sfida è stata vinta: oggi il ristorante è su numerose guide gastronomiche, tra cui la guida del Gambero Rosso, e al 45esimo posto tra i migliori 100 ristoranti di Roma. Al contempo ho proseguito l’avventura da brand ambassador, che da diversi mesi, settimanalmente, mi porta in giro per l’Italia e mi permette di conoscere cocktail bar sempre nuovi e unici.

Che dire: posso dichiarare di essere felicissimo di aver intrapreso questo percorso, una strada sicuramente in salita ma piena di soddisfazioni. Un lavoro che mi ha permesso di conoscere tante persone e fare esperienze in questo campo! E se oggi sono qui è anche grazie alla MIXOLOGY Academy e ai sui coach che, quando ero agli inizi, mi hanno aiutato in tutto il percorso diventando non solo le mie guide ma anche dei miei amici”


Anche tu vuoi frequentare un corso barman che ti dia gli strumenti necessari per diventare Brand Ambassador?
Scopri i dettagli sul Corso Global Bartender

Scopri anche altre Storie di Successo di allievi della MIXOLOGY Academy



Storie di Successo

Scopri le storie di successo della mixology academy

Scopri anche altre Storie di Successo di MIXOLOGY Academy


Recensioni MIXOLOGY Academy

Scopri le Recensioni dei corsi degli allievi della mixology academy

Scopri anche le altre Recensioni dei corsi su MIXOLOGY Academy

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *