Lavorare in Estonia come Barman

Lavorare in Estonia

Vivere e Lavorare in Estonia come Barman

Quando si parla di Nord Europa, il primo pensiero che viene in mente (dopo il freddo) è che sia una zona in cui persino respirare è carissimo!

Non tutti sanno, però, che proprio in Europa settentrionale si trova un paese dove il costo della vita non solo è molto più basso che in Norvegia, Danimarca, Svezia e Finlandia, ma è anche meno caro di quello italiano.

Quindi – se sei ancora bloccato in Italia da non si sa chi o cosa – è più basso di quello a cui sei abituato oggi, ma con degli standard di servizi pari agli altri paesi nord europei. Lo so, l’Estonia inizia già a sembrarti una prospettiva più allettante di un minuto fa, non è vero?

Certo, devi essere pronto ad affrontare il freddo e abituarti a ore di luce e buio completamente diverse rispetto all’Italia, ma non demordere: i punti di vantaggio sono ancora parecchi!

vivere in Estonia
L’Inverno in Estonia

Tanto per dirne una, l’Estonia vanta una delle economia più forti d’Europa, oltre ad essere uno dei primi paesi al mondo per innovazione, diffusione e utilizzo delle nuove tecnologie, come Internet e gli e-commerce, tanto da guadagnarsi il soprannome di “e-Stonia”. Secondo le classifiche comunitarie, non solo l’Estonia è di gran lunga il primo stato membro nel grande settore dell’e-government, ma ha il tasso pro capite di start-up più elevato al mondo. Oggi, la carta d’identità estone è al tempo stesso documento per l’espatrio, patente di guida, carta di debito, tessera sanitaria, abbonamento ferroviario, e molto altro ancora…

Un po’ il paese del futuro insomma, c’è in corso una vera e propria rivoluzione digitale che permette agli estoni di velocizzare qualsiasi cosa, come ad esempio dichiarare i propri redditi in cinque minuti, votare dal divano di casa, firmare elettronicamente in 2 minuti decine di documenti ogni settimana.

Possiamo dire che se in Italia la burocrazia è un incubo e qualsiasi cosa risulta lenta e macchinosa, in Estonia potrai finalmente svegliarti e vivere la vita con semplicità, senza impazzire! Soprattutto se un giorno decidessi di aprire un’attività, tipo un bar o un locale..!

Il fatto che la vita costi poco è un cortocircuito talmente assurdo che ho voluto fare un po’ di ricerca. Pare che per un piccolo appartamento in affitto in centro i prezzi siano intorno ai 400 euro, fino a un massimo di 700 per un trilocale e, se ti sposti un po’ fuori dal centro, i prezzi addirittura calano drasticamente.

Dimmi, in quale metropoli italiana trovi degli appartamenti così economici? A Roma e Milano no di certo, con quei soldi a malapena ci affitti una stanza, ammesso che la riesci a trovare.

Ma non sono solo gli affitti ad essere convenienti: un piatto tipico locale e una birra media, costano intorno ai 6-7 euro. Volendo potresti andare a mangiare fuori tutte le sere, senza che questo pesi più di tanto sul tuo bilancio.

E se invece vuoi andare a cena in un ristorante un po’ più lussuoso e gustarti tre portate e una bottiglia di vino, il prezzo è di 45 euro PER DUE PERSONE.

Ti starai chiedendo come sia possibile che costi tutto così poco, e la verità è che i salari medi non sono altissimi, ma partendo da una base media di 1000 euro, bisogna calcolare un aumento del 15% se hai esperienza e del 18% se sei in possesso di attestati professionalizzanti come quelli ottenuti con il percorso da Global Bartender, che da solo ne comprende ben dieci.

Come al solito, tutto dipende da te.

E non solo da quanto impegno investi nella tua formazione e crescita come barman, ma anche da quanto sei bravo a negoziare con il tuo futuro datore di lavoro.

Tutto comincia con la scrittura del Curriculum perfetto e finisce con la negoziazione collaborativa, fondamentale per far sì che tu ottenga esattamente la cifra che vale il tuo lavoro come professionista.

Lavorare a Tallin in Estonia come Barman

La buona notizia è che trovare lavoro in Estonia è semplice, ne è prova il tasso di disoccupazione molto basso. E secondo le statistiche, i posti di lavoro sono in aumento costante, complice la crescita economica del paese.

La lingua russa o estone è obbligatoria per lavorare in quasi tutti gli ambiti, tranne per quello dell’hospitality, dove basta un buon livello di inglese – a proposito, stai seguendo i miei trucchi per imparare una lingua più velocemente?

Una cosa che mi è stata raccontata, e che potrebbe esserti molto utile, è che la maggior parte dei locali e dei ristoranti, quando cercano personale, sguinzagliano i loro dipendenti chiedendo loro dei contatti. Se per tutto il resto gli estoni sono iper tecnologici, per quanto riguarda la ricerca di dipendenti si affidano al caro vecchio passaparola!

Il mio consiglio, quindi, è di andarti a fare un bel giro di persona nei locali dove ti piacerebbe lavorare come barman, portare il cv e intanto, farti amici i barman “resident”.

E a livello burocratico come funziona?

Come cittadino dell’Unione Europea per entrare in Estonia ti basta solo un documento d’identità valido che ti darà il diritto di restarci senza problemi per 3 mesi. Dopodiché, puoi richiedere il permesso temporaneo di residenza che dura 5 anni.

Per poter ottenere un permesso di residenza temporaneo devi contattare l’autorità locale più vicina al tuo luogo di residenza e richiedere un documento di identità.

A quel punto, per ottenere il permesso avrai bisogno di:

  • Un modulo di domanda standard;
  • Un documento di identità valido;
  • Una foto a colori di dimensione 40×50 mm;
  • Un documento certificante il pagamento di un tassa di 25 euro.

Negli anni ci sono state moltissime fake news riguardo ai permessi per entrare e lavorare nel paese, tutti smentiti pubblicamente (ti lascio qui l’articolo).

E per farti sognare un po’ la tua prossima meta, ti lascio alla visione di questo video. Fatti un giretto per le strade di Tallin, la capitale dell’Estonia, nonché il primo posto in cui andrei a dare un’occhiata per cercare lavoro come barman.

Verde, ordine, pulizia, tranquillità… Percepisci anche tu queste sensazioni guardando il video?

Credo che la realtà non sia tanto distante da queste parole, ma magari me lo dirai tu quando ci andrai a vivere e lavorare!

COSA È CAMBIATO CON IL COVID?

L’unica cosa necessaria per entrare in Estonia è la compilazione di un questionario da mostrare all’ingresso.

Per quel che riguarda la vita di tutti i giorni, invece, la situazione è più o meno come qui in Italia: è obbligatoria la mascherina e per entrare negli esercizi pubblici a consumare serve l’equivalente del nostro Green Pass.

Sono convinto che se tutti vanno a destra allora sia saggio girare a sinistra, e questo in ogni ambito della vita. Non è un caso se non mi sono trasferito in qualche località particolarmente alla moda, ma in un piccolo paese del Centro America che i più nemmeno conoscono, e ti consiglio di scegliere la tua (prossima) meta per un’avventura lavorativa all’estero non in base al nome altisonante, ma per le caratteristiche di quel posto.

Poi, potrai sempre andarci per qualche giorno, come minimo, e valutare di persona se quel luogo è effettivamente come te lo aspettavi, o quanto meno se ti ci senti a tuo agio, per poi decidere se portare avanti la missione “trova lavoro” o cambiare strada.

Non esistono scelte sbagliate, ma solo scelte non fatte e TUTTI i nostri allievi che lavorano all’estero che ho intervistato finora mi hanno confermato la stessa cosa, quando gli ho chiesto un consiglio da dare a chi ancora non ha lasciato l’Italia ma sta pensando di farlo:

NON PERDERE TEMPO. VAI.

Le cose successe dal 2020 in poi ci insegnano una volta di più che la vita è breve ed è anche per questo che dobbiamo cercare di viverla al massimo, senza rimorsi ma cercando di realizzare tutti i sogni che teniamo gelosamente nel cassetto.

E se non ti fidi di me, lascio la parola a Mauro Vignoli che si è trasferito e può raccontarti meglio di me come si sta in Estonia.

Intervista a Mauro Vignoli

Se invece pensi che l’Estonia non sia il posto più adatto a te in questo momento, non c’è problema. Puoi sempre dare un’occhiata agli altri paesi presenti nella nostra Guida Interattiva sul Lavoro per Barman all’estero! 😉

Crescere a aiutare gli altri a crescere, sempre.

Ilias Contreas

Cofondatore di MIXOLOGY Academy


Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *